Rieducazione visiva

Non vedi bene?
Soffri di disturbi visivi?
Hai gli occhi arrossati per la fatica di vedere?
Prova il Metodo Bates


Cos'è il Metodo Bates?

Si tratta di una serie di pratiche naturali che hanno lo scopo di insegnare alla persona che le utilizza ad eliminare lo sforzo, sempre inconsapevole, di vedere.
Chi non vede bene di norma non lo percepisce neppure, ma si sta sempre, assolutamente sempre, sforzando di vedere. Quando impara a percepire lo sforzo e come lo sta usando, diventa in grado anche di poterlo eliminare. Secondo il Dr. Bates ogni vizio di rifrazione, ed anche ogni patologia del nostro sistema visivo, origina da una tensione mentale, strain, che determina uno sforzo inconsapevole di vedere. Possiamo correggere il nostro difetto di rifrazione e tornare a vedere indossando occhiali o lenti a contatto, sottoponendoci ad interventi di chirurgia refrattiva, ma in nessuno di questi casi, potremo eliminare lo sforzo di vedere (lo sa bene chi già utilizza ausili diversi per vedere che dopo qualche tempo deve aumentare il potere diottrico dell'ausilio indossato). Il solo metodo in grado di eliminare, o per lo meno ridurre, lo sforzo di vedere è la pratica del metodo Bates. I principi su cui si costruisce il metodo, per ammissione dello stesso Dr. Bates, non sono stati inventati da lui, ma dalla natura e da lui solo osservati e riportati.

Movimento: in quanto il sistema visivo sano è dotato di un occhio che si muove naturalmente ed in continuazione ed il limitare, o peggio bloccare, tale naturale movimento è creato da ciò che il Dr. Bates definiva come "strain", ovvero tensione da sforzo... assolutamente inconsapevole se abbiamo difficoltà visive.

Rilassamento: nel senso di una totale assenza di tensione durante le fasi dinamiche del vedere. Non si tratta di un riposare la vista, ma di una condizione raggiungibile di rilassamento dinamico, durante l'azione stessa del vedere.

Centralfixation (relazione fra visione centralizzata e periferica): in quanto la funzione visiva si esplica naturalmente e nel miglior modo possibile solo quando esiste la capacità dell'intero sistema di utilizzare al meglio la relazione fra visione centralizzata e periferica. Gli occhi sani sono in grado, movendosi di rimanere rilassati e ottenere la massima nitidezza possibile nella parte centrale della retina, in un punto specifico denominato 'fovea centralis' mantenendo al contempo la percezione delle immagini più esterne che completano la visione stessa.

Memoria ed Immaginazione, perché il processo visivo si realizza attraverso tali naturali funzioni molto di più di quanto si ritenga normalmente. Quando la persona è in grado di vedere bene, è la sua mente che sta svolgendo una serie di operazioni che consentono all'immagine di ciò che sta guardando di crearsi correttamente. Il processo avviene in modo assolutamente automatico solo grazie all'uso corretto di memoria e immaginazione visive.

Consigli generali

Assicurati sempre di sbattere le palpebre durante ogni attività tu stia svolgendo. Lo sguardo fisso e le palpebre immobili, sono sintomo di tensione e producono sempre fastidi a livello visivo.
Una vista naturale e rilassata è sempre collegata ad uno sguardo curioso e leggero. Sii curioso nel guardarti attorno. Osserva velocemente i dettagli di ciò che stai osservano e fidati della prima percezione che riesci ad avere osservandoli. Se stai cercando di controllare e ricontrollare ciò che vedi, ti stai solo forzando di vedere e la tua vista ne risentirà di conseguenza.
Alterna frequentemente la vista per vicino a quella per lontano. Se stai leggendo un libro, o lavorando al PC, ogni tanto solleva la testa e metti a fuoco qualcosa che si trova lontano da te in modo da poterlo percepire per qualche secondo. Se invece stai guardando lontano da molto tempo, ad esempio guidando un'auto, ogni tanto lancia una rapida occhiata per mettere a fuoco qualcosa vicino a te (l'orologio, il volante dell'auto, ecc.). Siamo nati per vedere cose a distanze diverse, permettiamoci di farlo.
Se usi molto il computer, non ti preoccupare che ti possa "danneggiare" la vista. Recenti studi dimostrano che se ciò che stai facendo davanti al monitor del computer è per te gradevole e interessante, la tua vista non peggiorerà in relazione al suo utilizzo. Se invece non lo fosse, più che cambiare computer forse dovresti cambiare qualcosa nella tua vita...
Sempre, quando ti è possibile farlo, concediti momenti all'aria aperta e in ambienti naturali. Una passeggiata con gli amici, un'escursione in montagna, una gita al mare, anche due passi in un parco cittadino. Vivi esperienze diverse all'aria aperta quando ti è possibile farlo.
Se puoi farlo, se non soffri di patologie visive specifiche (verificalo eventualmente prima di procedere), evita di indossare gli occhiali da sole. Se stai sciando su un ghiacciaio o sei i barca a vela in Nuova Zelanda, l'indicazione sopra non vale. Alle nostre latitudini invece di norma gli occhiali da sole non sono necessari e la necessità di indossarli indica solo uno stato di tensione.
Se indossi regolarmente gli occhiali correttivi da vista, o le lenti a contatto, ogni tanto trova il modo di stare senza per qualche tempo. Fallo in situazioni e in ambienti dove ciò ti è consentito. In quel caso non ti sforzare di vedere, apprezza invece ciò che stai percependo così per come lo vedi. Scoprirai presto che la tua capacità di vedere tenderà a migliorare i tuoi occhi saranno presto più riposati del solito.
Se ti senti in dubbio sulle indicazioni sopra riportate, semplicemente non seguirle o rivolgiti ad un medico oculista facendoti indicare specificatamente per la tua situazione. In questo caso però ricordati sempre di chiedere una spiegazione per i suoi consigli e non limitarti ad accettarli passivamente. Approfondiscili anche da autodidatta; gli strumenti per farlo esistono.

Se vorrete approfondire la conoscenza del metodo in libreria troverai il DVD "Senza occhiali - Il Metodo Bates per migliorare la tua vista" Macro Edizioni e dello stesso editore "Guarire la presbiopia con il Metodo Bates"

Se volete fare qualcosa di ancora più pratico per approfondire la proposta, chiedete informazioni direttamente in segreteria:

Corso generale di Metodo Bates
Corso per chi ha difficoltà a leggere senza occhiali
Ad ogni buon conto, grazie per averci letto sin qui e i migliori auguri per una buona, naturale e duratura, visione.

I testi riportati in questo opuscolo sono stati messi a disposizione da:
Scuola Bates. La prima Scuola in Italia per la formazione degli insegnanti di metodo Bates
www.scuolabates.it